CNCC, l’appuntamento d’autunno

Nella foto, Massimo Moretti

Nella foto, Massimo Moretti

di Lucia Loffi Randolin ( giornalista, collaboratrice di  www.internews.biz e di ECONOMIA  IMMOBILIARE )

 

 

Si è tenuto lo scorso giovedì 16 ottobre il convegno  “Centri Commerciali e Investitori”,  organizzato dal CNCC-Consiglio Nazionale Centri Commerciali.

Un appuntamento importante, nel quale si è fatto il punto sulla situazione degli investimenti nelle strutture retail in Italia.  Massimo Moretti , il neo Presidente del CNCC, presentando lo stato attuale del mercato dei centri commerciali nel nostro Paese (circa 1.000 strutture esistenti di oltre 5.000 mq di superficie, il 60% nel Nord),  ha ribadito che c’è ancora spazio per uno sviluppo importante del settore, un settore che vale  51 miliardi  di euro di fatturato totale (incluso l’alimentare, a fine giugno, 2014), conta 300  mila dipendenti diretti e due  miliardi di presenze all’anno. Un dato quest’ultimo che ha visto dal 1° settembre 2013 al 31 agosto 2014 solo un -0,2% di affluenza, a indicare quanto ancora il prodotto “centro commerciale” tenga  in un momento di crisi così forte. E addirittura un +0,6% da gennaio ad agosto 2014: un dato positivo in tutti i sensi.

Non ci sono aperture in programma fino a Pasqua 2015, ma ci sono ampliamenti  pianificati per un prossimo futuro e grandi progetti in divenire soprattutto nelle zone intorno a Milano e Roma. E un interesse crescente da parte degli investitori stranieri, come peraltro già evidente da diversi mesi. Nonché da parte delle Casse di Previdenza nazionali che, pur preferendo gli investimenti immobiliari diretti, stanno cominciando a valutare seriamente di investire attraverso Fondi immobiliari anche retail. Vedi la cessione  della galleria commerciale del centro  “Fonti di Corallo” di Livorno di IGD  SIIQ al Fondo di Previdenza  Mario Negri  (per i dirigenti di aziende commerciali e di spedizione e trasporto) gestito da BNP Paribas,  e  la cessione da parte di Auchan di tre gallerie commerciali al Fondo immobiliare “Antirion Retail/Comparto Gallerie Commerciali” gestito da Antirion SGR, il cui investitore di maggioranza è la fondazione ENPAM, ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri.

Peraltro, secondo Cushman& Wakefield, entro il 2018 è previsto un significativo sviluppo di strutture retail (centri commerciali, FOC e retail park) soprattutto in Veneto e in Toscana, non solo come incremento di  superficie ma anche come evoluzione del prodotto.  Perché una gran parte dello stock, in particolare nel Nord Italia, è anteriore al 2000 e dunque ormai in fase di obsolescenza.  Perciò diventa necessario investire nel restyling dei centri esistenti, come sta comunque già avvenendo. Carrefour ed ECE si stanno muovendo in questa direzione.  Anche Allianz Real Estate conferma i suoi obiettivi di investimento nel settore retail in Italia.

 

 

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress