Quando Manfredi chiama …Commento al passaggio al Qatar di tutta “ Porta Nuova “ a Milano

di Paola G. Lunghini

 

Quando Manfredi Catella – a capo di Hines in Italia –  chiama per una Conferenza Stampa, la Stampa accorre sempre numerosissima.

Figuriamoci questa volta !

La convocazione per stamane era giunta nel tardo pomeriggio di ieri ( « per l’ annuncio di una  importante operazione  straordinaria internazionale») e naturalmente  la curiosità era al massimo.

 

Faccio due più due : ci dirà che si è convertito all’ Islam , e  che lo hanno  nominato  Emiro . Arriverà  vestito con la bianca tunica lunga sino a terra , seguito dalla scorta  e dalle  tre nuovi consorti ufficiali  oltre alla sua  bellissima  e bravissima sposa ( nonché madre  dei suoi quattro figli) Kelly .

(Kelly, nella  “haute real estate community”, la conoscono  e la stimano tutti).

Oppure ci dirà che sta per comperare la Cushman &Wakefield ,  magari in JV  con il Fondo sovrano di Abu Dhabi.

 

Attenzione :  di queste mie auguste  riflessioni – raccontate  prima che la  Conferenza Stampa avesse inizio -  ho fior di testimoni.

 

Ore 12.00 . Manfredi prende il microfono e offre, con alcune semplici slide, lo stato di aggiornamento di Porta Nuova ( d’ ora in avanti PN) . Per l’ office market,  PN ha superato  il tradizionale CBD. Circa il retail, bene, siamo a + 80% rispetto al 2012.  Le residenze ?:  dopo un biennio di fatica,  negli ultimissimi mesi le  vendite sono riprese, al ritmo di 5/ 6 al mese.  E il  “ Bosco Verticale “ è ormai collocato al 65%.

Insomma, PN ha  “ outperformato” rispetto a qualsiasi indice.

Un passaggio su ciò che PN ha rappresentato per Milano in termini di occupazione ( oltre due mila persone nei momenti di picco del cantiere, almeno  dieci mila persone per l’ indotto), indi la riflessione  : «terminata  la fase di sviluppo,  inizia ora la fase a reddito».

 

Poi l’ annuncio : Signori, da oggi il Qatar è sostanzialmente proprietario di tutta Porta Nuova.

Silenzio in Sala.

 

Era già al 40%. Un investitore di lunghissimo termine, che manterrà la maggioranza della partecipazione anche nella prevista  ipotesi  di ingresso , in posizione di minoranza,  di altri fondi sovrani.

La SGR e Coima  rimangono al loro posto e nel loro  ruolo, nessun cambiamento.

 

Qatar ha avuto come advisor legale  Sherman& Sterling  e lo Studio Tremonti, per le questioni societarie/fiscali  ; Hines  si è avvalso della  legal firm GOP  e dello Studio  Maisto .Come financial advisor, CITI.

 

Arriva la prima ovvia domanda : how much ?

 

Manfredi  sorride, e spiega che il valore della transazione non può essere comunicato ( in inglese,  “undisclosed”)  . Ma informa che gli investitori in Porta Nuova hanno guadagnato il 30%.  L’ Italia è ormai , dopo UK, il secondo Paese nell’ attenzione del Qatar …

Un paio di quesiti ancora, di scarso rilievo, e la Conferenza Stampa sembra ormai aver termine.

Grazie, se non ci sono altre domande…

 

Alzo la mano :

-Manfredi, come  ti senti oggi ?
- Liberato … voglio dire che è una grandissima soddisfazione.

 

Qualcuno in Sala riprende il microfono, e costringe Manfredi a parlare di “Palazzo Broggi” (  la vendita della storica sede di  UniCredit , in  piazza Cordusio a Milano, è in questi giorni al centro di una attenzione spasmodica ) .

La risposta di Manfredi è secca: tenere fermo per quasi un anno il Partner ( il fondo sovrano di Abu Dhabi)  di Hines  nel bid è stata una autentica impresa. «Ora  siamo in una fase delicata, e occorre che  il vendor ( il palazzo, come è noto, è nel fondo “ Omicron” gestito da  IDeA FIMIT SGR )  ci dica se davvero vuole vendere o no» . Insomma , c’è un gap tra l’  appraisal del building  e il market value  dello stesso. «La  chiarezza della procedura è irrinunciabile».

 

Lascio Manfredi circondato da un nugolo di colleghi ( “ quelli” dell’ immobiliare sono pochi, la maggior parte  sono della “ cronaca” , e ci sono anche “ quelli” delle televisioni; per  loro  il real estate  non è ciò che è per noi che lo seguiamo passo passo, hanno bisogno  di ulteriori informazioni ) . Volentieri e con la consueta eleganza  Manfredi fornisce adeguate spiegazioni.

 

-Non ci sei andata molto lontana  con la storia dell’Islam, mi sussurra  l’ amico dell’ Ufficio Stampa  ( cfr supra)

 

Prendo un taxi per rientrare .

-C’ era qualche  evento, qui oggi? Abbiamo ricevuto diverse chiamate.

-No, no, solo una Conferenza Stampa  per annunciare  che tutta Porta Nuova passa al Qatar.

-Oh signur, no, non mi dica, tutta Porta Nuova agli  arabi ? Una roba così a Milano non si è mai vista. Ma sono diventati matti?

-Ma no,  è una operazione brillante, il mondo ormai è globalizzato.

-A mi me pias minga.

 

Temo  che la reazione in città sarà , come si dice, “ controversial”. Staremo a vedere.

 

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress