Assoimmobiliare diffonde una propria Nota Informativa sulla Circolare MEF in tema di razionalizzazione acquisti PA per il tramite Consip

Si allega alla presente la circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze con la quale si prevede, per tutti gli acquisti delle Pubbliche Amministrazioni statali, un obbligo di approvvigionamento per il tramite di Consip S.p.A. La circolare rientra nell’ambito del Programma di razionalizzazione degli acquisti della Pubblica Amministrazione, con un duplice obiettivo: da un lato semplificare e rendere più rapide e trasparenti le procedure degli acquisti pubblici, attraverso la diffusione e l’utilizzo delle tecnologie; dall’altro razionalizzare e ottimizzare la spesa pubblica per beni e servizi, migliorando la qualità degli acquisti e riducendo i costi grazie all’aggregazione della domanda. Il Programma, implementato nel tempo da diverse disposizioni normative che la circolare elenca puntualmente, si compone di molteplici strumenti di acquisto, messi a disposizione delle amministrazioni statali dalla Consip (convenzioni, accordi quadro, mercato elettronico della pubblica amministrazione, sistema dinamico di acquisizione). Eventuali eccezioni saranno possibili solo avendo come benchmark i prezzi e le condizioni contrattuali della Consip: bisognerà cioè operare un raffronto tra fattori di comparazione omogenei tenendo in particolare attenzione, per la verifica dell’omogeneità degli strumenti, le prestazioni contrattuali principali e le caratteristiche essenziali dell’oggetto delle stesse. In tale ambito giova ricordare come Consip ha sempre ritenuto il settore dei servizi agli immobili uno degli ambiti più importanti di intervento per la razionalizzazione della spesa pubblica per beni e servizi, in particolare con riferimento al tema dell’efficienza energetica e dell’impatto ambientale. Gli immobili pubblici, infatti, sono fra i maggiori consumatori di energia e per questo risulta fondamentale il recupero di risorse che può derivare da una corretta gestione degli impianti. Il modello utilizzato nelle convenzioni Consip – Facility management, Servizio integrato energia o Multiservizio Integrato Energia per la Sanità – è quello del “contratto a prestazione” che ha rivoluzionato la logica stessa del rapporto fra fornitori e Pubblica Amministrazione, in quanto remunera l’impresa erogatrice del servizio in base a un canone prefissato e legato al “risultato”  e non con la logica del “tempo e spesa”, rendendo al contempo obbligatori da parte dell’impresa stessa interventi quali la Certificazione energetica e la Diagnosi energetica degli immobili gestiti. Con questo modello il fornitore è incentivato a garantire l’efficienza dei sistemi edificio-impianto e a realizzare interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici, perché il risparmio di energia e la riduzione dei costi di gestione aumentano il suo guadagno. Le Amministrazioni vedono garantiti elevati livelli di servizio e risparmiano risorse, le imprese più efficienti e innovative vengono premiate e remunerate per i loro investimenti, la collettività beneficia del recupero di efficienza complessivo e della riduzione dell’impatto ambientale legato al calo dei consumi energetici. Le chiavi di volta del successo del modello da applicarsi a tutti i servizi immobiliari restano comunque, da un lato, la qualità dei bandi di gara, rigorosamente aggiudicati col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e, dall’altro, la capacità di gestire strumenti contrattuali innovativi come quelli citati. Due condizioni che possono essere garantite al meglio da una centrale di committenza qualificata, in grado di mettere in campo esperienze e competenze difficilmente rintracciabili all’interno di singole amministrazioni.

In tale contesto, Assoimmobiliare sta proseguendo il proficuo dialogo con Consip e con le Istituzioni competenti proprio per mettere a fattore comune le migliori esperienze e conoscenze per il contenimento dei costi con una qualità elevata in applicazione delle best practice internazionali in modo tale che si possa re-investire per lo sviluppo del territorio e/o in altri ambiti.

 

Scarica la Circolare del MEF

Fonte  :  Assoimmobiliare

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress