Scenari Immobiliari : la prima giornata del Forum, tra urbanistica cristallizzata e salvifiche ricette.

di Francesco Tedesco(*)

 

Si è svolto il 18 e  19 settembre a Santa Margherita Ligure ,  sotto un tradizionale cielo blu e “sole a pioggia”, il 23° Forum di Scenari Immobiliari, appuntamento principe per il settore immobiliare, nonché momento di aggregazione per la community con la “A” maiuscola. Quell’evento insomma «dove non si può non essere»,almeno per i top player.

Santa Margherita è infatti il momento in cui il settore si riunisce per fare il punto sull’andamento dei vari comparti e del mercato in generale, incontrare chi conta – sempre splendida la location con tanto di tuffo in piscina per i più audaci- e per “serrare le fila” in vista della ripartenza.

Una ripartenza -quella vera- che il settore si aspetta da tempo e che tuttavia, puntualmente, viene rimandata di anno in anno. Che il 2016 sia finalmente la volta buona?

 

Il grande tema affrontato quest’anno dal Forum è stato “Il futuro delle Città, le città del futuro”.

«Abbiamo scelto questo tema» ha spiegato in apertura Mario Breglia, Presidente  di Scenari Immobiliari,  salutando con calore gli ospiti «perchè le città sono il nostro mondo, il nostro futuro, sono il luogo della trasformazione dove già oggi si attesta il 90% della ricchezza del mercato immobiliare. Dobbiamo quindi ripartire dalle città e puntare sulle grandi innovazioni che il futuro ci riserva».

In questo modo la ripartenza -quella vera- arriverà. Parola di Scenari, il cui Forum è stato quindi incentrato su alcuni esempi di eccellenza nel mondo in quanto a città che hanno primeggiato nel governo della trasformazione urbana e nel rilancio del proprio territorio: Singapore (con il grande e avveniristico progetto visionario di “Marina Bay Sands”  che ha creato dal nulla un nuovo pezzo di città sull’acqua), la città di Amburgo (con l’ormai famosissimo progetto di “HafenCity”) e -sorprendentemente- la città di Matera, che sarà capitale europea della Cultura per il 2019.

«Ciò che è avvenuto a Matera» ha spiegato un appassionato Mattia Antonio Acito,di Acito & Partners « è una rivoluzione avvenuta dal basso grazie al lavoro di recupero e trasformazione della città da parte della gente comune che ha puntato sull’ospitalità e sul turismo diffuso, andando a realizzare stanze, piccoli B&B, ristoranti, cantine e botteghe, occupandosi anche del risanamento di piazze, e di alcune chiese per riportare la città a uno splendore antico». L’operazione ha funzionato e questa “rinascita dal basso” ha portato Matera a un incremento delle proprie presenze turistiche del +170% dal 2000 a oggi.

 

Le tre esperienze hanno suggestionato molto la platea del Forum, anche se -forse questo il sentore della sala- sono apparse un po’ troppo difficili da riproporre nelle città italiane. Il Bel Paese sembra cristallizzato, non si muove, conta appena per il 3/4% sul totale del “fatturato” del Real Estate in Europa (dove Francia, Germania, UK e Spagna la fanno da padroni); ed è oggi assai difficile pensare che sia possibile lanciare grandi progetti di trasformazione urbana di ampio respiro, così come avviene invece all’estero.

«L’Italia fa fatica a competere con gli altri Paesi europei» ha confermato Emanuele Caniggia, AD di IDeA Fimit SGR «Le nostre città hanno finito una fase di espansione mal controllata e oggi sembrano un museo a cielo aperto. Rischiamo di diventare obsoleti proprio nel momento in cui la grande flessibilità del mondo del lavoro impone nuove sfide alle nostre città. Servirebbe una rapida presa di coscienza da parte della Politica» ha attaccato il  manager «per sbloccare al più presto la situazione e permettere di fare grandi interventi di rinnovamento del patrimonio esistente. Bisogna pensare già oggi che tipo di città vogliamo avere tra 20 anni e incominciare a lavorare in quella direzione. Non è più possibile operare con piani regolatori obsoleti tipo quelli che si facevano negli anni sessanta».

«Anche perchè c’è davvero tantissimo lavoro da fare» ha incalzato Giovanni Maria Paviera, AD di CDP Immobiliare «una cosa che ci è di grande conforto. CDP Immobiliare detiene attualmente ben 136 asset per complessivi 2,7 milioni di metri quadrati pari a un valore di circa 2,1 miliardi di euro». Si tratta di un patrimonio di pregio che dovrà essere valorizzato e immesso sul mercato nei prossimi anni, ma già molte operazioni importanti sono in itinere. A Milano, ad esempio, CDP ha già ceduto immobili a uso ufficio e residenziale per 125 milioni di euro. A Roma è appena stata venduta la “Beirut romana”, ossia le torri ex sede dell’ENI all’Eur, che sono passate a Telecom per un prezzo pari a circa 50 milioni di euro. «Sempre a Roma» ha ricordato Paviera «sta andando avanti il progetto di cessione della ex-caserma “Guido Reni”. A Venezia siamo invece impegnati con Hines in uno degli investimenti più importanti -del valore di circa 100 milioni di euro- per la ristrutturazione del complesso dell’ex “Ospedale al Mare”, al Lido di Venezia. Abbiamo moltissimi altri immobili su cui intervenire, e siamo alla ricerca continua di partner con cui collaborare».

Roberto Reggi,DG dell’Agenzia del Demanio, ha poi osservato che «tutte le Amministrazioni sanno ormai che le nostre città sono piene di vuoti da colmare e che il futuro sarà lavorare sul recupero del già costruito e ora abbandonato. Con lo “Sblocca Italia” sono già state introdotte norme semplici per razionalizzare l’utilizzo degli immobili pubblici» (art. 24 e 26, ndr) tanto che la stessa Agenzia del Demanio ha avviato operazioni di recupero e razionalizzazione degli spazi occupati a Torino, Bologna e Bari. L’idea è quella dei “Federal Building”, ossia grossi edifici in grado di ospitare sia la PA centrale che la PA locale in maniera integrata. «Il pubblico deve poter mantenere la regia di queste operazioni, che offrono grandi spazi ai privati che possono giocare un ruolo da protagonisti nel governo della complessità dei nostri territori».

Ed è proprio sulla valorizzazione dei patrimoni pubblici che, anche secondo Elisabetta Spitz, alla guida di Invimit SGR, si gioca il futuro delle città italiane, e in definitiva del Paese stesso. «Il Governo è consapevole di questa sfida» ha tranquillizzato la Spitz «e sta ripensando il modus operandi di una Pubblica Amministrazione che non può più permettersi certi costi per i propri spazi. Occorre tagliare le spese e valorizzare il patrimonio attraverso fondi immobiliari ad-hoc, come appunto quelli gestiti da Invimit, che ha tre diverse linee per operare con interventi di valorizzazione: la razionalizzazione degli edifici pubblici, l’efficientamento energetico e la rigenerazione urbana. Ad oggi» ha reso noto la Spitz «Invimit ha già valorizzato otto edifici pari a circa 540 mila metri quadrati».

Al di là di queste esperienze positive che interessano il mondo del “pubblico”, quello che tuttavia si è levato da parte dei “privati” è stato un coro abbastanza unanime di insoddisfazione generalizzata nei confronti della politica.

«In Italia abbiamo la necessità di eliminare norme obsolete e superare una normativa urbanistica cristallizzata per riuscire a prendere decisioni che sono nell’interesse generale delle nostre comunità» ha notato Umberto Borzi, Partner dello Studio Legale Chiomenti. «A Singapore e Amburgo, ad esempio, si è riusciti a fare quei progetti proprio perchè esiste una pianificazione urbanistica di altissimo livello, unita alla possibilità da parte del pubblico di decidere sulle questioni urbanistiche autonomamente, gestendo in maniera ottimale l’intervento dei privati».

Ancora fantascienza per l’Italia? Così parrebbe in effetti, anche se Alessandro Cattaneo, Presidente di Fondazione Patrimonio Comune di ANCI, ha tenuto a precisare che «semplificazione urbanistica e maggiore autonomia del territorio sono cose giuste, ma forse non proprio sul modello di Singapore dove c’è un “signore” che regna da 60 anni con un certo “vuoto democratico”… Certamente la polverizzazione degli enti è un tema da affrontare, ma un primo passo culturale importante è stato fatto, e bisogna averne consapevolezza».

Di diverso avviso, invece, Cesare Ferrero, a capo di BNP Paribas Real Estate Italia, il quale ha attaccato a testa bassa le amministrazioni dei Comuni dove la sua Società opera. «In Italia c’è ancora una grossa “confusione” politica nella gestione delle città, pensiamo ad esempio all’emblematico caso dello Stadio di San Siro. Il futuro delle città è prima di tutto avere le idee chiare a livello politico. Ci troviamo oggi in una condizione di mercato molto difficile, con clienti che compiono scelte razionali e responsabili, non più emotive. Siamo in presenza di un processo di responsabilizzazione collettiva per quanto riguarda i consumi, e in particolare il bene casa» ha osservato il top manager. «Oggi non possiamo più permetterci di “sbagliare” un intervento e occorre essere molto, molto selettivi».

Anche secondo Stefano Boeri, notissimo architetto e Professore al Politecnico di Milano «bisogna facilitare al massimo le operazioni di rinnovamento e rigenerazione dell’obsoleto patrimonio immobiliare delle città italiane, che va incontro a condizioni di degrado inaccettabili e costi energetici insostenibili». La ricetta salvifica proposta da Boeri per uscire da questa impasse sono l’eliminazione degli oneri di urbanizzazione per gli interventi di rinnovamento del tessuto urbano, e la questione ambientale: «Dobbiamo poter costruire città con maggiore compenetrazione tra natura, agricoltura e architettura. Per far questo occorrere introdurre nuovi standard urbanistici per le aree a verde, uno strumento che all’estero ha dimostrato di essere particolarmente efficace».

Le rassicurazioni agli operatori da parte del “pubblico” non sono certo mancate, anche se forse sono rimaste un po’ troppo vaghe. «Pensare ad una strategia urbana per la città del futuro è possibile: possiamo uscire dalla confusione di cui parlava Ferrero costruendo una visione comune» ha commentato Alessandro Balducci, neo-Assessore all’Urbanistica del Comune di Milano, e da sempre docente al Politecnico di Milano.

«Sembra che un nuovo ciclo immobiliare sia alle porte e dobbiamo superare la logica del “Piano Casa” e guardare invece ai grandi progetti di trasformazione urbana» ha convenuto Giovanni Caudo, Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma. «La questione urbana dovrebbe tuttavia essere una questione nazionale e non del singolo Comune. Abbiamo bisogno di un grande piano di rigenerazione urbana a livello Paese come hanno fatto  Francia e UK, non è accettabile che ogni Comune si muova singolarmente».

Qualcuno che si muove singolarmente,però,esiste. Come ad esempio il Comune di Lecce, che grazie anche all’interessamento di Invimit SGR è l’unico Comune del sud-Italia ad aver lanciato un Fondo immobiliare con diverse proprietà pubbliche, e che ha recentemente adottato sette importanti varianti urbanistiche che hanno permesso di realizzare alcuni interventi immobiliari con cui avviare il processo di risanamento delle casse del Comune stesso.

«Avevamo un serio problema abitativo e un bilancio comunale gravemente in sofferenza» ha spiegato Attilio Monosi, Assessore alla Casa del Comune pugliese «e grazie a una specifica legge regionale abbiamo deciso di puntare tutto sul recupero e la trasformazione di alcune aree della città. Il riutilizzo è “molto meglio” perchè in una città come Lecce spesso il costo dei vecchi fabbricati esistenti è inferiore al costo di realizzazione di nuovi fabbricati su terreni non urbanizzati. Si evitano inoltre tutte le solite problematiche legate alla realizzazione di opere nuove, con cantieri che aprono, soggetti che fanno ricorso, cantieri che si fermano e costi che schizzano alle stelle. Questa scelta ci ha permesso di dare respiro alle pressioni abitative che avevamo, e oggi i conti del Comune sono a posto. Il nostro Fondo ha in gestione uffici comunali centralizzati, una scuola, un mercato, edifici residenziali e altro terziario».

Un appello è infine giunto da Stefano Lo Russo, Assessore all’Urbanistica di Torino: «Il riuso di suolo deve esser fatto diventare più conveniente rispetto a operazioni di consumo di nuove aree. Solo così saremo in grado di favorire la rigenerazione delle nostre città fermando al contempo l’utilizzo di nuove aree verdi. Diamo quindi corpo alla “riforma Delrio” che può far davvero diventare le aree urbane il volano di rilancio per la rinascita del Paese».

 

 

(*) Francesco Tedesco, collaboratore di www.internews.biz e di ECONOMIA IMMOBILIARE, è ingegnere ambientale esperto in energie rinnovabili e giornalista pubblicista

 

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress