Casse di Previdenza: Cerrone (Sorgente Sgr), fondi immobiliari per diversificare i rischi

“L’investimento nel settore immobiliare attraverso i fondi, per gli enti di previdenza, rappresenta il modo migliore per mitigare i rischi dei mercati e uno delle asset class di riferimento per una gestione bilanciata. Negli ultimi dieci anni il fondo immobiliare è diventato lo strumento alternativo alla gestione diretta del patrimonio immobiliare”. E’ quanto ha sottolineato il Direttore Generale di Sorgente Sgr, Giovanni Cerrone, intervenuto il 1 luglio al convegno “La gestione trasparente del risparmio previdenziale”, organizzato da Enpacl, Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i consulenti del lavoro, nell’ambito del Festival del Lavoro 2016. “La nostra mission – ha rilevato Cerrone – è analizzare i patrimoni che gli enti previdenziali ci affidano e ottimizzare il loro profilo in un percorso di consolidamento, per poi collocarli al meglio sul mercato dopo opportuna valorizzazione”. In particolare Sorgente Sgr, la società di gestione del risparmio italiana del gruppo Sorgente, guidato da Valter Mainetti, gestisce attraverso il Fondo Bernini una parte del patrimonio dell’Enpacl.

Da parte sua il Presidente dell’Enpacl Alessandro Visparelli, intervenuto al dibattito, ha sottolineato il contributo dell’Ente all’economia italiana, anche attraverso gli investimenti nel settore immobiliare. “Il nostro gettito contributivo – ha detto – è strettamente legato al fatturato del singolo lavoratore, ecco perché è fondamentale impiegare il nostro patrimonio per la crescita del Paese”.

Infine, riguardo al prossimo regolamento che disciplinerà gli investimenti degli enti previdenziali, il Direttore di Sorgente Sgr ha auspicato una crescente certezza delle norme perché è importante che le regole non cambino in corso d’opera. “Ogni nuova norma – ha concluso Cerrone – per noi comporta una rifocalizzazione delle strategie, sempre nell’interesse del fondo, e conseguentemente dei suoi sottoscrittori come le Casse di previdenza. Il rapporto con le casse, d’altronde, è equiparabile a una vera e propria partnership nell’ottica dell’interesse perseguito: esse partecipano alla governance attraverso i Comitati e le Assemblee, perché gli immobili che vengono conferiti non cambiano proprietà ma entrano a far parte di un veicolo in cui da proprietari in forma diretta diventano quotisti attraverso il fondo stesso”.

 

Fonte : Company

 

Nella foto, Giovanni Cerrone

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress