ASSEMBLEA ASSIMPREDIL ANCE: UNA EFFICACE ALLEANZA TRA IMPRESE E AMMINISTRAZIONI PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO

“È necessaria una rivoluzione culturale, in cui tutti dobbiamo credere, per ricreare quel clima di fiducia tra operatori e amministrazione che negli anni abbiamo perso. Solo così potremo vincere le sfide del futuro – con queste parole è intervenuto il Presidente Marco Dettori nel corso dell’ l’Assemblea Generale di Assimpredil Ance, Associazione delle Imprese Edili e Complementari di Milano Lodi, Monza e Brianza , svoltasi il 22 settembre presso la sede  milanese – e per questo obiettivo non abbiamo molto tempo a disposizione”.

“Il nostro territorio non è mai stato così attrattivo in termini di qualità della vita, opportunità, prospettive. Ci sono le condizioni per crescere e per farlo in un modo diverso dal passato, perché oggi sono cambiate le scale valoriali e sappiamo bene che senza qualità, sostenibilità, inclusione e scelte ponderate non può ripartire l’economia.

“Per il futuro – ha dichiarato il presidente Dettori – è necessaria una visione di lungo periodo, che dia certezza nelle regole e stabilità negli obiettivi strategici, condizioni imprescindibili per essere attrattivi verso chi investe e crea nuove imprese, genera opportunità di lavoro, fa crescere la qualità dei luoghi: in questa fase di grandi potenzialità il settore delle costruzioni gioca un ruolo fondamentale perché attraverso di esso si rigenera ambientalmente e qualitativamente lo spazio fisico in cui si insediano e crescono le nuove opportunità”.

“Dobbiamo lavorare come sistema territoriale e con capacità di fare connessioni nella filiera produttiva e condivisione diffusa con le Istituzioni, come recentemente fatto con “C’è Milano da fare”. Con Regione Lombardia, con la Città Metropolitana, le Province, i Comuni e le Istituzioni Assimpredil Ance ha avviato un dialogo costruttivo che auspichiamo generi collaborazioni concrete sulle cose da fare. Il Patto per Milano che Governo e Città hanno stretto è un primo passo in questa direzione e il settore delle costruzioni, le sue imprese, sono pronte a giocare questa sfida, ma bisogna agire rapidamente.

Scarica l’ intero Comunicato e le slide presentate

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress