L’ Agenzia delle Entrate risponde a “Striscia la Notizia” relativamente alla nuova sede dell’Ufficio provinciale del Territorio di Roma

 

In merito al servizio di Striscia la Notizia del 17 novembre 2016 sulla nuova sede dell’Ufficio provinciale – Territorio di Roma, l’Agenzia delle Entrate desidera fornire alcune precisazioni.

Secondo la trasmissione, il trasloco nei nuovi uffici sarebbe “poco conveniente per le casse dello Stato”. Per l’autore del servizio, infatti, l’operazione complessiva comporterebbe da un lato un affitto di 1.508.750 euro per la nuova sede di via Costi, dall’altro il mantenimento dei vecchi locali, al momento inutilizzati, per i quali l’Agenzia continuerebbe a pagare un affitto di 3.659.000 euro.

In realtà, il trasloco nei nuovi locali è stato deciso per superare criticità in materia di sicurezza e per razionalizzare la logistica dell’Ufficio Provinciale – Territorio di Roma. Questo ufficio, infatti, è il più grande d’Italia, con un archivio cartaceo di circa 35 Km lineari di documenti e fino a qualche settimana fa era ripartito in due differenti sedi.

Per trovare una sede adeguata alle esigenze evidenziate, compresa quella di unificare i servizi in un unico immobile e realizzare risparmi, l’Agenzia ha avviato la ricerca di una nuova sede, in primis interpellando l’Agenzia del Demanio, per verificare la disponibilità di immobili demaniali idonei a soddisfare le proprie esigenze e successivamente interpellando gli enti pubblici territoriali. Avendo ricevuto un riscontro negativo, è stata fatta un’indagine di mercato che ha portato all’individuazione di un edificio sito in via Raffaele Costi. Il canone di locazione di questa nuova sede, pari a 1,5 milioni di euro, oltre IVA, è stato ritenuto congruo dall’Agenzia del Demanio, che ha rilasciato il nulla osta alla stipula del contratto ed ha comportato un risparmio annuo, in termini di canone di locazione, pari a 911.000 euro rispetto al canone precedentemente pagato per l’immobile di via Martini. Pertanto, il trasloco dei servizi di pubblicità immobiliare da via Martini a via Costi ha già comportato un risparmio annuo, in termini di locazione, pari a circa 911mila euro.

Per quanto riguarda l’immobile di viale Ciamarra, che ospitava i servizi catastali dell’Ufficio provinciale territorio di Roma, ora trasferiti nella sede unificata di via Costi, sarà, invece, oggetto di interventi di ristrutturazione, comunque necessari, che consentiranno il trasferimento in quella sede della Direzione Regionale Lazio e dell’Ufficio Territoriale di Roma 5, attualmente siti, rispettivamente, in via Capranesi e in via di Torre Spaccata, con conseguente risparmio dei relativi canoni di locazione, pari a circa 3,6 milioni di euro.

 

Fonte : Entrate

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress