Forte crescita nella richiesta di spazi per la logistica urbana (Urban Logistics) per soddisfare le esigenze legate alle consegne online. Lo afferma C&W

Nei prossimi anni per far fronte alla crescita esponenziale dell’eCommerce e il conseguente bisogno di consegne nell’ultimo miglio, si registrerà nelle principali città europee un forte incremento della richiesta di spazi per la logistica, secondo quanto riportato in una recente ricerca di Cushman & Wakefield  :  http://www.cushmanwakefield.it/it-it/research-and-insight/2017/urban-logistics-release-report/

 

 

Nel report Urban Logistics viene utilizzato il “Modello di Spazio Urbano” che Cushman & Wakefield ha sviluppato in collaborazione con P3 Logistic Parks per quantificare la richiesta totale di spazi urbani per la logistica nei più importanti mercati europei dell’eCommerce, in base ai volumi attuali e futuri delle vendite online.

 

Questo nuovo sotto-settore del mercato immobiliare, da cui prende il nome il report, si è sviluppato per soddisfare la rapida crescita delle consegne di pacchi. In base al ‘Modello di Spazio Urbano’ il volume delle consegne in tutta Europa crescerà di un ulteriore 69% entro il 2021, con un conseguente impatto sulla richiesta di spazi. La metodologia impiegata comprende input e ipotesi che si basano sulle attuali pratiche di logistica urbana e gli attuali dati sulle transazioni online.

 

 

In termini di popolazione e potere di acquisto, Londra è il più importante e il più maturo mercato dell’eCommerce in Europa con una richiesta attuale di spazi urbani per la logistica di 870.000 m2. Si prevede che nel 2021 la richiesta supererà gli 1,2 milioni di m2 con un incremento del 42%.

 

Dopo il Regno Unito, la Germania è il secondo mercato chiave dell’eCommerce in Europa, sia per il numero di grandi città che per il vantaggio acquisito dallo shopping online rispetto al resto del continente. Si prevede che la richiesta di spazi nei mercati tedeschi aumenterà del 77%, ciò nonostante i 370.000 m2 di spazi richiesti a Berlino, il mercato più importante tedesco, saranno comunque meno di un terzo di quelli richiesti a Londra.

 

I mercati europei dell’eCommerce meno maturi beneficeranno dalla forte crescita delle vendite online che faranno aumentare i livelli della domanda entro il 2021. Il più elevato incremento della domanda in termini percentuali è previsto in Spagna, con Madrid e Barcellona che registreranno un incremento del 102% toccando rispettivamente i 360.000 m2 e 167.000 m2. La richiesta di spazi urbani per la logistica a Varsavia, un mercato relativamente piccolo che ha superato le previsioni di crescita dei volumi dell’eCommerce negli ultimi due anni, dovrebbe aumentare del 90% passando dagli attuali 43.000 m2 agli 82.000 m2 previsti entro il 2021.

 

Per quanto riguarda Milano, è prevista una crescita del 75,5% nella richiesta di spazi urbani per la logistica, passando dagli attuali 73.000 m2 ai 130.000 mcirca stimati nel 2021.

 

Il report mostra anche che il costo delle consegne urbane è elevato e rappresenta fino al 50% del costo della supply chain in Europa per un totale di 70 miliardi di euro e con una previsione di crescita del 7-10% nei prossimi cinque anni. Le soluzioni immobiliari sono attualmente offerte nelle zone periferiche e non all’interno delle città per il valore più elevato delle possibili destinazioni alternative e per l’opposizione esercitata dagli stakeholder cittadini nei confronti della logistica.

 

Lisa Graham, Head of Logistics Research & Insight di Cushman & Wakefield EMEA ha affermato: “Considerando che vengono fatti sempre più acquisti online, è fondamentale che le nostre grandi città abbiamo la capacità di gestire l’aumento del volume delle consegne in tutta Europa. Secondo il nostro Modello di Spazio Urbano ci sarà una crescita sostanziale in tutta Europa. Il fatto che l’incremento del 42% previsto per il Regno Unito rappresenti il valore più contenuto indica molto chiaramente la direzione in cui sta andando il mercato.

 

“In prospettiva, sarà fondamentale per i retailer online e per gli spedizionieri utilizzare spazi urbani per la logistica per soddisfare le crescenti aspettative dei clienti in termini di rapidità e affidabilità delle consegne e allo stesso tempo per ridurre i costi al fine di giustificare canoni di locazione più elevati”

 

Uno degli autori del report David Szendzielarz di P3 Logistic Parks, investitore/sviluppatore specializzato nel settore della logistica, ha affermato: “La logistica urbana è destinata ad essere uno dei mercati che registrerà l’incremento più significativo nei prossimi cinque anni, vista la continua crescita dell’eCommerce in tutta Europa. Ogni chilometro in più aumenta il costo e i tempi di consegna. Non c’è dubbio che ci sia domanda per questo settore e che la sfida sia ora rappresentata dall’assicurarsi i permessi necessari per sviluppare strutture adeguate nei centri cittadini. In P3 stiamo lavorando sia con i clienti che con i comuni per sviluppare soluzioni che ci aiuteranno a colmare il gap tra l’offerta attuale e la domanda stimata, soddisfacendo la richiesta di consegne rapide e ecologiche, riducendo al contempo il traffico nelle città”

 

Rob Hall, Head of Logistics and Industrial di Cushman & Wakefield EMEA ha affermato: “Il Modello di Spazio Urbano rappresenta un valido strumento che permette a conduttori, investitori e sviluppatori di prevedere la domanda nella parte più dinamica del settore”.

 

Fonte : Company

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress