Intervista a Davide Padoa, CEO di Design International

Il MAPIC e noi : una lunga partnership

di Paola G. Lunghini

Q: Come definiresti, in poche parole, l’edizione del MAPIC svoltosi la  scorsa  settimana a  Cannes ?

A: Sintetizzerei in «introspezione profonda su dove sta andando il retail, sempre piú orientato all’esperienza a al suo rapporto con il mondo del leisure in tutte le sue declinazioni (virtuale, attivo, educativo), mixed-use, ospitalitá e ristorazione».

Q :I grandi progetti nel vecchio continente, ma quando arriveranno ?

A : “COM” a Torino, “Westfield” a Milano ed “Europacity” Parigi… arriveranno ; ma si parla rispettivamente del 2021, 2022 e 2027. Molto positive le intenzioni di Ingka Centers   (nuovo nome  di IKEA , ndr ) che intende investire quasi € 6 mld nei prossimi tre anni , Compagnie De Phalsbourg che “spinge” sul retail open air… (con i progetti “The Village” a Lione, e “Open Sky” a Madrid Torrejón), Indigo che propone quattro malls in Tunisia..

Q : In Tunisia siete coinvolti anche voi di Design International….

A :  Sì,  Design International al MAPIC ha presentato “Tunis Garden City”, 200  mila mq a uso misto con integrazione di retail, leisure, hotel, residenze e uffici nel nuovo centro di Tunisi.
Abbiamo  presentato “LIVAT Shanghai”, progetto a uso misto retail e uffici da €1.5 mld , il piú grande investimento della storia del gruppo svedese.

Q: E  l’ Italia ?

A : Unica  “novità”, secondo me, è il progetto “Maximo” (Roma, Laurentino),apertura prevista nel Q1 2020, con cantiere riattivato dopo due anni di stop (lo sviluppatore è Parsec 6 S.p.a. ,società-veicolo proprietaria del terreno e controllata dal socio unico Capital Dev S.p.a., prevede un investimento complessivo di 300 milioni di euro, ndr ). Eurocommercial Properties ha otto centri in Italia in ristrutturazione e ampliamento, dimostrando dunque fiducia nel mantenimento e aumento di valore del proprio portafolio in Italia, nonostante i segnali ampliamente pubblicati dagli analisti che hanno messo il nostro Paese a rischio per gli investimenti. Klepierre é concentrata su una strategia simile in Italia e in generale in Europa, confermando il trend attuale di trasformazione e valorizzazione degli asset strategici esistenti.

Q: Voi esponete a Cannes da molti anni…

A:Sempre molto bravi gli amici di REED Midem nello stimolare dibattiti e incontri con player che vengono da cinque continenti. Nonostante il tono piú  “umile” e introspettivo,  questo  MAPIC per DI si é dimostrato comunque uno dei migliori , per gli incontri avuti con operatori specializzati nel campo leisure e investitori dei tre continenti (Europa, Medio Oriente e Asia) dove siamo presenti.

Nell’ immagine, lo stand  di Design  International , ripreso il giorno 14 novembre immediatamente  prima  dell’ apertura del MAPIC.

Design International is an innovative architectural practice with vast experience on a global scale. Regarded as one of the industry’s leaders in retail architecture, the firm’s unique and diverse designs have seen the practice win many awards, as well as having a strong presence worldwide.
Originally founded in Toronto, Canada, in 1965, Design International is now headquartered in London, with offices in Milan, Shanghai and Dubai. It works across six integrated divisions: Architecture, Master planning, Interior Design, Lighting Design, Landscape Design, and Graphic Design.
Design International’s philosophy is deep rooted in the belief that every design has its own individual story; these bespoke spaces are created with the aim to trigger a unique experience for guests. The success lies in its ability to shape stories to transform experiences.

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress