La “ Giornata della Collera : le considerazioni di Assoimmobiliare

Grave pregiudizio arrecato dai tagli lineari per la Spending review

Con riferimento alle norme in materia di locazioni passive della Pubblica Amministrazione, la spending

review così formulata non incide positivamente al fine del perseguimento del contenimento dei costi, in

quanto va ad impanare sulle Imprese.

Rileviamo che, da un punto di vista generale, tali norme hanno palesemente carattere eccezionale, anche in

considerazione del grave pregiudizio che arrecano ai diritti dei proprietari e della violazione del generale

principio che impone il rispetto (anche da parte dello Stato) dei contratti in vigore. Non può escludersi la

possibilità che le stesse siano ritenute almeno in parte incostituzionali.

a) Stato/Pubbliche Amministrazioni

b) interpretare tali disposizioni quali norme a carattere di eccezionalità e urgenza, e come tali con efficacia

temporale circoscritta e favorire una miglior interpretazione delle stesse mediante modifiche, integrazioni o

altre forme di interventi interpretativi al fine di ridurre, per quanto possibile, pregiudizi a carico dei privati,

violazioni di principi di legge e rischi di incostituzionalità. Il risparmio del 15% previsto dalla normativa può

essere raggiunto e superato anche attraverso una gestione dinamica dei patrimoni immobiliari,

I’ottimizzazione degli spazi e il risparmio energetico.

C) non sono previsti costi ma risparmi anche superiori.

 

 

I limiti normativi sugli strumenti finanziari immobiliari

Il mercato ha bisogno di essere liberato per crescere. Gli investimenti nel Settore Immobiliare sono congelati

perch6 mai come ora non c’è certezza: bisogna sostenere la valorizzazione del patrimonio costruito anche

attraverso il ricorso al perfezionamento di strumenti finanziari idonei correggendo alcune distorsioni

normative che regolano la costituzione e la gestione dei Fondi immobiliari italiani e dei Reits italiani (Siiq).

a) Stato.

b) E’ essenziale allargare la platea degli investitori cd. istituzionali, italiani ed esteri, che possono investire

nei fondi immobiliari, dal momento che il fondo immobiliare sara uno degli strumenti principali utilizzati per la

valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato e la disponibilità di capitali di investitori privati sara

cruciale per il successo del piano; per quanto concerne le SIIQ occorre ridurre la percentuale obbligatoria di

distribuzione dei proventi netti da locazione che consenta alle siiq di reinvestire nella crescita della propria

attività e facilitare la permeabilità d’investimento tra Fondi e Siiq mediante l’inclusione degli investimenti in

fondi immobiliari nell’ambito della gestione esente delle SIIQ/SIINQ.

C) Non sono previsti costi

 

Fonte : CS  di Assoimmobiliare

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress