PGT Milano, passi avanti ma molti problemi ancora aperti

a cura dell’ Ufficio Stampa dell’INU Lombardia

Con l’entrata in vigore del nuovo Piano di Governo del Territorio è giunto a conclusione il percorso di adeguamento dello strumento urbanistico di Milano. La revisione che ha portato alla stesura definitiva ha corretto molti degli aspetti critici iniziali (segnalati anche dalla sezione lombarda dell’Istituto Nazionale di Urbanistica) e oggi il Piano, riequilibrato nel dimensionamento complessivo, è caratterizzato da una più adeguata disciplina delle trasformazioni, da una maggiore attenzione all’edilizia sociale, da un più efficace riconoscimento dei servizi esistenti e delle modalità per il loro completamento, da una più concreta corrispondenza tra previsioni e risorse effettivamente attivabili.
Inu Lombardia ritiene tuttavia che non vadano sottovalutati i problemi rimasti aperti, che potranno condizionare il futuro della città e hanno radici complesse, non riconducibili solo alle difficoltà tecniche della procedura di variante adottata, che come è noto si è limitata alla riconsiderazione delle osservazioni presentate.
Tra questi è il meccanismo di attribuzione della edificabilità tramite un indice unico indifferenziato applicato all’intero territorio, che unitamente alla libera trasferibilità dei diritti edificatori e alla liberalizzazione delle destinazioni d’uso, se non sarà ulteriormente regolato come richiesto da più parti e dall’Inu, potrebbe vedere le iniziative immobiliari concentrarsi su aree e funzioni di maggior valore a scapito di quelle periferiche, artigianali e produttive, e di una riqualificazione diffusa.
In particolare il PGT non offre ancora risposte adeguate alla dimensione reale di una città che si estende ben oltre i suoi confini amministrativi e che richiedono strategie di rilevanza sovracomunale riguardanti anche funzioni e infrastrutture situate al suo interno. Un progetto che dovrà articolarsi e svilupparsi nella Città metropolitana che si sta costituendo, superando la logica municipalistica che sinora, con rare eccezioni, ha prevalso nei nuovi piani di governo del territorio lombardo.
Il PGT pubblicato è a tutti gli effetti il nuovo piano urbanistico di Milano, colmando un vuoto normativo che non poteva protrarsi più a lungo e tuttavia non conclude il processo di pianificazione della città, che non deve fermarsi, ma da qui può ripartire assumendo una prospettiva più estesa e nel contempo dotata della flessibilità necessaria per corrispondere ai problemi che il divenire di una città regione comporta.

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress