SIDIEF: NEL REAL ESTATE CRESCE L’IMPEGNO VERSO LA RESPONSABILITÀ SOCIALE

Si è tenuto oggi a Roma il seminario “Real estate e responsabilità sociale”, primo appuntamento che mette a confronto il settore immobiliare, istituzioni ed esperti del mondo giuridico, istituzionale, assicurativo e accademico

 

Il settore del Real Estate sta avendo una crescita quantitativa (nei mercati, nei prodotti, nelle aziende) ma è chiamato anche a svolgere il proprio ruolo nel rispetto dei principi di responsabilità sociale, per avere uno sviluppo di tipo qualitativo e in linea con l’Europa. L’immagine del settore è spesso negativa nella pubblica opinione, talora anche più qualificata, in particolare per la scarsa attenzione sui temi socialmente più rilevanti: lo sviluppo sostenibile, il rispetto dei principi di trasparenza e legalità, l’attenzione al benessere collettivo.

 

“È tempo di cambiare questa percezione e va mostrato come il settore si stia muovendo verso un nuovo ruolo”, ha dichiarato Mario Breglia, Presidente della Sidief, aprendo i lavori del seminario di studio “Real estate e responsabilità sociale”, che si è tenuto oggi a Roma e organizzato dalla società immobiliare interamente controllata da Banca d’Italia.

 

Nel corso dell’incontro sono stati approfonditi gli strumenti più efficaci per un esercizio socialmente responsabile dell’attività immobiliare, iniziando naturalmente dalla legge 231 sulla responsabilità amministrativa della persona giuridica. Una disciplina che dà alle imprese numerose opportunità per prevenire i rischi tipici dell’attività immobiliare quali quelli legati all’ambiente e alla salute e sicurezza sul lavoro ma anche quelli propri di ogni attività economica, come la corruzione e il riciclaggio. Gli esperti hanno illustrato pregi e difetti di questa disciplina e analizzato anche altri strumenti, di tipo organizzativo o procedurale, che possano favorire il raggiungimento di questi obiettivi.

 

“Il seminario organizzato oggi – ha commentato Carola Giuseppetti, Direttore Generale di Sidief – si propone di fare cultura su temi che da tempo la nostra Società approfondisce e di promuovere momenti di confronto e di riflessione su argomenti che vadano oltre quelli squisitamente tecnici e offrano un’opportunità molto importante, e quindi un potenziale fattore di successo, per le nostre organizzazioni. Abbiamo in programma un secondo appuntamento nel 2018, per continuare a promuovere la cultura della buona amministrazione”.

 

Luigi Donato della Banca d’Italia ha ricostruito le dinamiche che consentono il diffondersi nel settore economico di una cultura che considera accettabili prassi illecite, rendendo incerto il confine tra legalità e illegalità. Queste spinte a “bruciare le tappe” ad ogni costo si realizzano sia nelle fasi di crescita economica sia in quelle recessive, accrescendo il moral hazard degli operatori. Per fronteggiare i rischi di inquinamento dei mercati e di distorsione degli investimenti è necessaria una strategia organica di contrasto che punti alla salvaguardia del valore dell’integrità, unitamente alla spinta verso l’efficienza delle attività economiche. Quale caso emblematico Luigi Donato ha esaminato quello del rischio di riciclaggio nel settore immobiliare che si caratterizza per una elevata vulnerabilità, accentuata per le strutture di minori dimensioni, che può essere fronteggiato solo attraverso un forte impulso alla

formazione degli addetti in ordine agli obblighi di due diligence della clientela e di segnalazione delle operazioni sospette, previsti dalla disciplina europea.

 

In chiusura dei lavori Nunzio Minichiello, Presidente dell’Organismo di Vigilanza di Sidief ha dichiarato che “un allineamento su queste tematiche da parte di tutti i soggetti della filiera immobiliare sarebbe utile e opportuno per un nuovo ruolo del settore immobiliare”.

 

Al seminario odierno, dopo i saluti introduttivi di Mario Breglia, Presidente Sidief, si è tenuta la tavola rotonda “Codici etici e modelli di organizzazione, gestione e controllo: il quadro di riferimento” a cui hanno partecipato Luca Palamara, Magistrato della Procura della Repubblica di Roma, Fabio Maniori, Dirigente Responsabile Servizio Legale, Compliance e Distribuzione Ania, Massimiliano Masucci, Professore di Diritto Penale Università degli Studi Roma Tre, Luigi Donato, Capo Dipartimento Immobili e appalti Banca d’Italia, Riccardo Delli Santi, Giurista Studio Delli Santi. A moderare il dibattito è stata Silvia Massi, Professore Università telematica Uninettuno e Organismo di Vigilanza Sidief.

È seguito “Il punto di vista degli Amministratori locali” con Roberto Morassut, Deputato, già Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, e Gianni Verga, già Assessore alla Casa e Demanio del Comune di Milano.

Successivamente è stata la volta della tavola rotonda su “Esperienze a confronto” con Elisabetta Caldirola, Senior Partner PwC, Leader Real Estate Italia, Emanuele Caniggia, Amministratore Delegato DeA Capital Real Estate SGR, Carlo De Vito, Presidente FS Sistemi Urbani, Bruno Mangiatordi, Dirigente Generale Ministero Economia e finanze, Silvia Rovere, Presidente Assoimmobiliare, moderata da Carola Giuseppetti, Consigliere e Direttore Generale Sidief. A chiudere l’appuntamento le conclusioni di Nunzio Minichiello, Presidente Organismo di Vigilanza Sidief.

 

Fonte :  Company

Testata giornalistica non registrata ai sensi dell’Art.3 bis del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 convertito in Legge 16.07.2012 n°103

Website
Mediatechnologies Srl

Powered by WordPress